LISARIO O IL PIACERE INFINITO DELLE DONNE - BUFFET LETTERARIO

Prossimo appuntamento con

“BUFFET LETTERARIO”,

gruppo di lettura della Biblioteca Filippo Farsetti

mercoledì 15 aprile 2015

con il libro di Antonella Cilento Lisario o il piacere infinito delle donne,

finalista premio strega 2014

 

NOTIZIE BIOGRAFICHE E BIBLIOGRAFICHE DI ANTONELLA CILENTO

Cilento, Antonella. – Scrittrice italiana nata a Napoli nel 1970.

Insegna scrittura creativa dal 1993, coordina il progetto SudCreativo ed è responsabile del portale www.lalineascritta.it. È stata segnalata dal Premio Calvino 1997 per il romanzo inedito Ora d'aria e ha vinto il Premio Tondelli con la sua tesi di laurea nel 1999. Oltre a romanzi e saggi ha scritto numerosi testi per il cinema e soprattutto per il teatro. Dopo il libro di racconti Il cielo capovolto (2000), si segnalano tra le altre pubblicazioni: Una lunga notte (2002), Non è il paradiso (2003), Neronapoletano (2004), L'amore, quello vero (2005), Napoli sul mare luccica (2006), Nessun sogno finisce (2007), Isole senza mare (2009), La paura della lince (2012), Lisario o il piacere infinito delle donne(2014, finalista al Premio Strega). Ha collaborato tra gli altri con Grazia, Il Corriere della Sera, Il Riformista e Il Sole 24 Ore e attualmente collabora con L'Indice dei libri del mese e Il Mattino.

I suoi romanzi sono tradotti in Germania da BTB Bertelsmann. Suoi racconti sono tradotti in Journal intime et politique, Italia, HB Editions (France), in After the War, a cura di Martha King, Italica Press (USA) e in Giro d’Italia, Hedendaagse italiaanse schrijvers over hun land, Libreria Bonardi (Olanda).

Ha pubblicato in numerose collettanee dal 1989 ad oggi e ha curato, di recente, “M’AMA? Mamme, madri, matrigne oppure no” con Annalisa Bruni e Saveria Chemotti (Il Poligrafo).

Ha collaborato con “Grazia”, “Il Corriere del Mezzogiorno”, “Il Corriere della Sera”, “Il Riformista”, “Il Sole 24 Ore”, “Il Napoli”, “Marie Claire”, “Panorama Travel” e numerose riviste.

 Ha realizzato per RAI RadioTre Voci dal silenzio (Cento Lire, a cura di Lorenzo Pavolini, RAI Radio Tre, 15-19 gennaio 2001) e Scisciano Paradise (Storyville, 22-26 dicembre 2008).

Un suo manuale dedicato alla scrittura creativa è stato pubblicato da Simone Editore nel 2000: A. Cilento e A. Piedimonte, Scrivere. Guida ai mondi della parola scritta.

È presidente dell’Ass. Cult. Aldebaran Park per la quale ha ideato e conduce il Laboratorio di Scrittura Creativa Lalineascritta dal 1993 (19 anni di attività e formazione) presso associazioni, librerie, oltre 100 scuole di ogni ordine e grado e aziende. Forma insegnanti e studenti in tutt’Italia e ha diretto dal 2005 al 2008 la scuola “Le Scimmie” presso l’UPAD di Bolzano.

Per il teatro ha scritto Isole senza mare: omaggio ad A.M. Ortese ed Elsa Morante, regia di Cristiana Liguori, con Cristiana Liguori e Giorgia Palombi, Bambini nel tempo da I. Mc Ewan. Per Teatro Cargo con la regia di Laura Sicignano ha scritto Il funambolo. Omaggio a J. Genet, prodotto da teatro Cargo, da un'idea di Iole Cilento,  e Frankenstesin Barausz. Ha scritto per il teatro-ragazzi Ho visto Don Chisciotte, regia e ideazione di Giancarlo Cosentino, prodotto dal Teatro Diana. Infine, ha scritto Itagliani!, regia di Eleonora Pippo, con Margherita Di Rauso, dall’omonimo racconto contenuto ne L’amore, quello vero (Guanda), Ikmé, di prossima rappresentazione per Dissonanzen e Con amore e con rabbia, storia misconosciuta dalla Storia, incontro fra Enrichetta Di Lorenzo e Michelina De Cesare portato in scena da Imma Villa e Gea Martire, a cura di Carlo Cerciello. Per Gea Martire ha scritto il monologo “Cafone” (Benevento Città Spettacolo 2011). Per Giorgia Palombi e Maniphesta teatro ha scritto “L’angelo della casa. Omaggio a Emily Dickinson” (2012).

Per il cinema: “Il martirio di Sant’Orsola” di Mario Martone e Sandro Dionisio, produzione PAV e Banca Intesa (2005). “Solo agli occhi” (omaggio ad Anna Maria Ortese) di Sandro Dionisio, produzione Digigraph, Dionisio e Aldebaran Park, “Il canto di Partenope” di Sandro Dionisio, produzione Eskimo.

Fonti

torna all'inizio del contenuto