NORWEGIAN WOOD - BUFFET LETTERARIO

IL GRUPPO DI LETTURA BUFFET LETTERARIO

PER IL 25 GIUGNO 2014 LEGGE:

 

Murakami Haruki, Norwegian wood, Tokyo blues

Copertina - Norwegian Blues

 

Murakami Haruki è uno scrittore, traduttore, saggista e maratoneta giapponese. Nato il 12 gennaio 1949 a Kyoto, suo padre, Chiaki, è figlio di un monaco buddhista ed è stato lui stesso per un po' di tempo monaco nel tempio di famiglia; sua madre, Miyuki, è figlia di un commerciante di Osaka. I suoi genitori si sono conosciuti in quanto entrambi erano insegnanti di letteratura giapponese in un liceo.

A un anno Haruki Murakami si trasferisce nella città di Ashiya, nella prefettura di Hyogo. Poco dopo si trasferisce a Kobe. E' qui che trascorre la sua crescita ed è sempre qui che, grazie all'ambiente multiculturale di questa città sul mare, comincia ad entrare in contatto con stranieri e libri inglesi. Al liceo, scrive nel giornale della sua scuola. Si iscrive alla facoltà di letteratura dell'università Waseda di Tokyo. Il dormitorio in cui alloggiava si chiamava Wasei Juku.

Nel 1968, durante il primo anno di università, conosce Yoko Takahashi (nata il 2 ottobre 1948), figlia di un commerciante di futon di Tokyo, sua futura moglie. Sono gli anni delle rivolte studentesche e Murakami vive molto liberamente quel periodo. A proposito della guerra in Vietnam ha detto "Anche se il Giappone non partecipò alla guerra, noi eravamo convinti che dovevamo assolutamente porvi fine. Questo era il nostro sogno per un nuovo e pacifico mondo." Nell'ottobre del 1971, Haruki Murakami sposa Yoko Takahashi.

Haruki lascia l'università per un anno e comincia a lavorare per una stazione tv. Ma poichè questo lavoro non lo soddisfa, lui e la moglie decidono di aprire un jazz bar. I soldi necessari ad aprire questa attività provengono da un prestito di una banca e dai guadagni ottenuti dai due lavorando di giorno in un negozio di dischi (anche questa esperienza viene riproposta in Tokyo blues, norwegian wood) e di sera in una coffe house.

Il jazz bar viene aperto a Kokubunji (Tokyo) nel 1974. Il nome del locale era "Peter Cat", dal nome del gatto che Murakami aveva avuto alcuni anni prima e che aveva lasciato ad un amico in campagna perchè il gatto aveva accumulato troppo "stress da città"(!!). Il "Peter Cat" era un coffee bar di giorno, mentre di sera si servivano anche alcolici. Sembra che la specialità fossero i cavoli stufati. Il locale era senza finestre, con dei muri bianchi in stile spagnolo, tavoli e sedie in legno e foto di gatti dappertutto. Qui, Murakami preparava drink, lavava piatti, metteva dischi di musica jazz, osservava le persone e leggeva libri. Egli stesso ha dichiarato che se non avesse avuto quel bar, non sarebbe mai diventato scrittore.

Mentre Yoko si era laureata nel 1972, Haruki si laurea nel 1975 con una tesi dal titolo: "l'idea del viaggio nel cinema americano".

Nel 1977 trasferiscono il jazz bar in una zona più centrale di Tokyo. Il nuovo locale aveva come insegna un enorme sorridente gatto del Cheshire e all'interno tutto (tavoli, bastoncini, tazze, fiammiferi..) era decorato con dei gatti. Murakami fino a questo momento è vissuto interessandosi alle sue due passioni: la musica e la letteratura, ma concentrandosi prevalentemente sulla prima. Sentiva infatti di non avere ancora l'esperienza necessaria per scrivere un libro. Ma le cose stanno cambiando. Come ha modo lui stesso di raccontare "in un bel giorno di primavera, nell' Aprile del '74, stavo sdraiato su un prato, bevendo una birra e guardando una partita di baseball. E improvvisamente decisi di scrivere il mio primo romanzo." Si tratta di kaze no uta o kike (ascolta la canzone nel vento), che viene pubblicato nel 1979 facendogli ottenere nello stesso anno il premio Gunzo (Gunzou Shinjin Sho) come migliore scrittore emergente. Nel 1980 pubblica 1973nen no pinbohru (il flipper del 1973) e nel 1982 Hitsuji o meguru Bohken(sotto il segno della pecora), con cui vince il premio letterario Noma (Noma Bungei Shinjin Sho) per scrittori emergenti. Questi tre libri costituiscono la Trilogia del ratto, chiamata così perchè, oltre al protagonista (Boku, termine giapponese maschile e poco formale per indicare "io"), uno dei personaggi principali è "Il ratto".

Già da un anno (1981) Haruki ha venduto il jazz bar e ha cominciato a vivere dei proventi dei suoi libri. Nell'ottobre del 1984 si trasferisce a Fujisawa, nella prefettura di Kanagawa, una città sul mare a 50 km da Tokyo, mentre nel gennaio del 1985 si trasferisce a Sendagawa, Tokyo.

Nel 1985 pubblica Sekai no Owari to Haado-boirudo Wandaarando (la fine del mondo e il paese della meraviglie) che gli vale nello stesso anno il premio Junichi Tanizaki.

Nel febbraio del 1986 si trasferisce di nuovo, questa volta a Oiso, nella prefettura di Kanagawa. Dall'ottobre 1986 viaggia tra la Grecia e l'Italia (in particolare, in Sicilia e a Roma) e scrive noruwei no mori (Norwegian wood), che viene pubblicato in Giappone nel 1987 mentre Murakami si trova ancora in Europa. Noruwei no mori si rivela fin da subito un autentico caso letterario, vendendo 2 milioni di copie in un anno!

Tra il 1987 e il 1988 Murakami scrive interamente a Roma dansu dansu dansu (dance dance dance), che viene pubblicato nel 1988. Dal gennaio 1991 si trasferisce in America, dove lavora come ricercatore associato all'università di Princeton. Il gennaio dell'anno seguente è nominato professore associato della stessa università. Dei suoi frequenti viaggi scrive "Se potessi sceglierei di vivere in Inghilterra. Quando ero in Europa ho pensato di tornare nel mio paese di origine a quarant'anni. Ma non l'ho fatto." Nel 1992 esce Kokkyo no minami, taiyou no nishi (a sud del confine ad ovest del sole). Nel luglio del 1993 si trasferisce a Santa Ana CA per insegnare all'università William Howard Taft. Nel 1994 e nel 1995 vengono pubblicati i tre volumi di Nejimakidori kuronikuru (l'uccello che girava le viti del mondo), che gli valgono nel 1996 il prestigioso premio Yomiuri. Nel 1997 viene pubblicato Underground, saggio sull'attentato alla metropolitana di Tokyo da parte della setta AUM nel 1994. In questo saggio, Murakami raccoglie le interviste ai sopravvissuti e ai parenti delle vittime, cercando anche di tracciare un quadro del Giappone contemporaneo.

Nel 1999 esce Supuhtoniku no Koibito (la ragazza dello sputnik). Nel gennaio del 2001 si ri-trasfrerisce a Oiso, prefettura di kanagawa. In questi ultimi anni, si è dedicato molto all'attività di maratoneta.

Nel 2007 riceve lalaurea honoris causa dall'Università di Liège, (Belgio) mentre nel 2008 riceve un’altra laurea honoris causa dall'Università di Princeton, Stati Uniti.

(Biografia tratta da: http://www.harukimurakami.it)

       Curiosità su Tokyo Blues, norwegian wood

  • Sulla copertina del libro Tokyo Blues, norwegian wood in verde sono scritti 3 dei quattro kanji che compongono il nome e cognome di Murakami.
  • Il titolo del libro Tokyo blues, norwegian wood si riferisce esplicitamente a una canzone dei Beatles, appunto Norwegian wood, per altro più volte citata all'interno del romanzo
  • Tokyo Blues, norwegian woodè stato scritto in parte a Roma, in parte a Palermo e in parte in Grecia.

( Tratto da: http://www.harukimurakami.it)

Sito ufficiale di Murakami: http://www.randomhouse.com/features/murakami/site.php?id=

Sito in italiano dedicato a Murakami: http://www.harukimurakami.it

Fra le sue opere ricordiamo:

2014 L’incolore Tazaki Tsukuru e i suoi anni di pellegrinaggio
2013Ritratti in jazz
2011 (10 giugno)premio internazionale Catalunya: gli 80.000 euro del premio sono stati donati da Murakami alle vittime del terremoto/tsunami che ha colpito il Giappone l'11 marzo 2011 e del disastro di Fukushima)
20091Q84. Libro 1 e 2. Aprile-settembre (pubbl. 2011 in Italia);  1Q84. Libro 3. Ottobre-dicembre (2012 in Italia); nel 2009 riceve il premio Gerusalemme.
2007 L’arte di correre(saggio)
2006 I salici ciechi e la donna addormentata (racconti) premio Kiriyama che non ha ritirato.
2004 After dark
2002 Kafka sulla spiaggia(Premio World Fantasy; nel 2006 Premio Frank Kafka, premio dato in passato a Philip Roth, Harold Pinter, Elfriede Jelinek).
2000 Tutti i figli di Dio danzano (racconti)
1999 La ragazza dello Sputnik
1997 Underground. Racconto a più voci dell’attentato alla metropolitana di Tokyo (PremioKuwabara Takeo)
1994-1995 L’uccello che girava le viti del mondo ( premio Yomiuri nel 1996)
1993 L’elefante scomparso e altri racconti
1992 A sud del confine, a ovest del sole
1988 Dance dance dance
1987 Tokyo blues, Norwegian wood (Noruwei no mori)
1985 La fine del mondo; Il paese delle meraviglie(Premio JunichiroTanizaki)
1979Ascolta la canzone nel vento (premio Gunzo inedito in italiano); 1980 Il flipper del
1973; 1982 Sotto il segno della pecora (premio Noma per gli scrittori emergenti). Questi tre romanzi formano La trilogia del ratto).

torna all'inizio del contenuto