LA MIA AFRICA - BUFFET LETTERARIO

Prossimo appuntamento con

“BUFFET LETTERARIO”,

gruppo di lettura della Biblioteca Filippo Farsetti

mercoledì 25 ottobre 2017

con il libro di Karen Blixen

“La Mia Africa”

Copertina de La Mia Africa

 

NOTIZIE BIOGRAFICHE E BIBLIOGRAFICHE KAREN BLIXEN

Karen Christentze Dinesen, baronessa von Blixen-Finecke, è stata una scrittrice e pittrice danese nata a Rungsted (vicino Copenhagen) il 17 aprile 1885 e morta a Copenhagen il 7 settembre 1962. Nota, nel corso di una lunga carriera, sotto vari pseudonimi: Karen Blixen è di certo il più famoso, ma pubblicò opere come Isak Dinesen, Tania Blixen, Pierre Andrèzel e Osceola.
Dal 1903 al 1906 frequenta l’Accademia delle Belle Arti di Copenhagen, Parigi nel 1910 e di altre città d’Europa.
Educata in Svizzera e in Inghilterra, scrisse le sue opere principalmente in lingua inglese. Sposatasi nel 1914 con il cugino barone Bror von Blixen-Finecke, si trasferì con lui in Kenya, a Nairobi, e lì i due intrapresero una pionieristica attività di coltivatori di caffè. Lei si innamorò del cacciatore inglese Denys Finch-Hatton, che morirà in un incidente aereo, e divorziò dal marito. Tornò in Europa nel 1931 e cominciò a pubblicare nel 1934 (inzialmente sotto lo pseudonimo di Isak Dinesen). 
Il suo capolavoro viene considerato La mia Africa, nel quale rievoca la sua esperienza a Nairobi. Le sue opere hanno ispirato registi famosi come Orson Welles e Sydney Pollack.
Dal romanzo “La mia Africa” è stato tratto nel 1985 l’omonimo film diretto da Sydney Pollack, vincitore di sette premi oscar nel 1986. Grazie agli introiti del film, nel 1991 la casa di Karen Blixen a è stata adibita a museo dove sono conservati i suoi ricordi africani, fotografie, lettere e molti oggetti personali. The Karen Blixen Museum si trova a Rungsted Kyst immerso in un parco di 40 acri di riserva naturale ornitologica dove è situata la tomba della scrittrice. A Nairobi in Kenya si trova un altro museo dedicato a Karen Blixen nella tenuta dove la scrittrice ha vissuto dal 1917 al 1931.

Opere principali tradotte in italiano
1923 Il matrimonio moderno
Lettere dall’Africa 1914-1931
1926 La vendetta della verità
1934 Sette storie gotiche
1937 La mia Africa (Out of Africa)
1938-1959 Dagherrotipi e Carnevale e altri racconti postumi
1942 Racconti d’inverno
1944 I vendicatori angelici
1957 Ultimi racconti
1958 Capricci del destino
1960 Ombre sull’erba
1963 Ehrengard

Fonti:

torna all'inizio del contenuto